Sport

Marotta conferma: "Si, siamo su Donnarumma. Vi svelo il nostro primo colpo!"

Marotta conferma:

Su Donnarumma - "Oggi è difficile, per le società, gestire situazioni di questo tipo: la figura del giovane calciatore è cambiata radicalmente. Restiamo nell'ordinario - aggiunge - anche se le valutazioni in giro sono pazzesche". E vanno tutelati gli sforzi delle società sul settore giovanile, con una sorta di apprendistato vincolante. In questo momento no. È un talento.

"No, quella è stata una spesa straordinaria".

Chiosa finale su Mandzukic, Marchisio e Neto: "Se il croato resta?" Marotta ha negato la trattativa per Verratti (è un profilo che non ci interessa) mentre è sempre vicinissimo l'acquisto di Schick che lo stesso dirigente bianconero considera 'un patrimonio per il futuro'. Cessioni eccellenti? Non per nostra volontà, ma ci dobbiamo confrontare con società che possono dare ingaggi più alti. A Cuadrado e Bonucci?

"Abbiamo ricevuto una proposta molto elevata (60 milioni, ndr) dal Chelsea". Abbiamo detto di no, ma oggi i giocatori sono padroni di sé stessi.

Al momento il Milan non sembra volerlo cedere, ma se proprio lo dovesse fare porrebbe condizioni imprescindibili.

Sui prossimi colpi: "Schick?". Douglas Costa? Grazie al permesso del Bayern, abbiamo avuto la possibilità contattare gli agenti. Ma i tedeschi devono essere disposti a cederlo e il prezzo deve essere congruo. Lotito? Sono certo che non ha pronunciato quelle parole perché sono fesserie. Conosco i regolamenti e mai mi sarei avvicinato a un giocatore di un altro club. Dico che quando ti trovi il contratto in scadenza è normale una certa effervescenza nei giocatori e nei loro rappresentanti.

"Talenti che devono diventare campioni, e una grande parte, in questo percorso, la fanno la società e allenatore". Se ci siamo noi dietro alle decisioni del giocatore? I nostri programmi? Essere ancora protagonisti cercando l'equilibrio tra attività patrimoniale, finanziaria, economica e i risultati.

"Abbiamo ricavato di più e possiamo spendere di più".

Cardiff cosa le ha lasciato?

"Il Real è un fenomeno di risultati e fatturato. Non è vero che vogliamo anticipare il suo arrivo a Torino". Litigio Dybala-Bonucci? Ero lì. Smentisco nel modo più assoluto qualsiasi tensione tra i giocatori nell'intervallo.

Per chiudere, una riflessione di carattere generale sul calcio italiano: "Il modello del mecenatismo è scomparso". E quello degli investitori stranieri è esclusivamente di business. Se baratto lo scudetto con la Champions?



Сomo è

Ultimo




Raccomandato