Intrattenimento

I-days, Monza sconfigge la paura e si diverte con il rock

I-days, Monza sconfigge la paura e si diverte con il rock”

I Green Day hanno inaugurato l'iDays Festival all'Autodromo di Monza.

Il trio di Berkeley che ha riportato alla ribalta il punk, nella sua forma più melodica, prendendo il posto lasciato vuoto dal grunge, e che deve la sua fama anche alle infuocate esibizioni live, guidato come sempre da Billie Joe Armstrong (tornato recentemente in pista dopo un periodo di riabilitazione a causa della sua dipendenza da alcol e farmaci) oltre a pescare dal vecchio repertorio presenta i brani dell'ultimo album "Revolution Radio", disco che a dispetto del titolo barricadero avvicina la band a sonorità meno esuberanti e a atmosfere più introspettive, con riflessioni sulla politica, l'amore, la morte, la nostalgia dei bei tempi andati. Loro, come i successivi Green Day, headliners della prima serata, hanno attraversato tre decadi di musica e il risultato, stupefacente, è vedere tra il pubblico genitori ultraquarantenni con i loro bimbi al seguito, ma anche teenagers pronti al loro primo mosh, "pogo" della vita sia in mezzo alla golden area (quella sotto il palco, che costava di più), sia nelle seconde linee.

Ecco la scaletta del concerto che Justin Bieber terrà a Monza: Mark my words, Where are u now, Get used to it, I'll show you, The feeling, Boyfriend, Cold water, Love yourself, Been you, Company, No sense, Hold Tight, No pressure, As long as you love me, Children, Let me love you, Baby, Purpose, Sorry. E le code che alcuni hanno affrontato per entrare.

Alle 23.30, dopo avere concluso la malinconica, meravigliosa canzone "Time of your life", in concomitanza con qualche goccia di pioggia che è scesa per poi smettere poco dopo, il saluto finale e tutti a casa.

Per evitare di rimanere bloccati in macchina, è fortemente consigliato di raggiungere Monza con i mezzi pubblici (o con moto, bici etc...). Non prima di avere esaurito i token a disposizione e, per i più nottambuli, ballare ancora nella discoteca messa a punto nella tensostruttura all'opposto del palco centrale. Sabato sarà la volta di Linkin Park, Blink 182 e altri, domenica la chiusura con Justin Bieber. La band inglese, che si è esibita alle 21.30, è stata preceduta dai Santa Margaret, dagli Ex-Otago, da Michael Kiwanka e da James Blake.

Per garantire la sicurezza dei partecipanti sono previsti imponenti controlli di sicurezza.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato