Medicina

Ecco cosa prevede la circolare sul decreto vaccini

Ecco cosa prevede la circolare sul decreto vaccini”

A rispondere diversi esperti del Ministero della salute e dell'Istituto Superiore di Sanità.

Dopo appena tre giorni dalla pubblicazione del D.L. n. 73 in tema di vaccinazioni obbligatorie, il Ministero della salute, il 10 giugno ha emanato una Circolare con le prime indicazioni operative ed applicative. E sottolinea al riguardo, l'importanza di una stretta collaborazione tra tutte le componenti dell'amministrazione statale e territoriale, e non solo del Ssn, al fine di rendere effettivo l'obbligo vaccinale e garantire il bene della tutela della salute, individuale e collettiva.

Nella Circolare si evidenzia quanto previsto all'articolo 1 del decreto: le vaccinazioni per le quali è introdotto l'obbligo sono gratuite in quanto già incluse nei Livelli essenziali di assistenza.

In particolare, la ASL, accertato l'inadempimento dell'obbligo, anche attraverso un controllo dell'anagrafe sanitaria, verificato che, in relazione alla medesima violazione dell'obbligo, non si sia già attivata essa stessa o altra ASL, provvede ad avviare una procedura, stabilita a livello locale, per il recupero della vaccinazione.

La ASL territorialmente competente ha un ruolo centrale nella prevenzione e nella verifica dell'inadempimento dell'obbligo vaccinale e nel percorso che da tale verifica prende avvio.

Saranno esentati dalla vaccinazione solo i bambini con adeguata documentazione medica attestante un correlato rischio per la salute oppure quelli che sono già immunizzati a seguito di malattia. In questo caso, chiedono di avere garanzie, di sapere se saranno al sicuro in classe. Nel documento è inserita anche l'attivazione di un numero verde che fornirà tutte le informazioni necessarie ai genitori. Zaia ha portato a suo sostegno i dati della Regione, che aveva già abolito l'obbligo vaccinale: nel 2016 risultano vaccinati con l'esavalente il 92,6 per cento dei nati nel 2016, con un indice di copertura in netta ripresa dopo il 'minimo' storico dell'88,6 per cento registrato del 2014.

"Le Società firmatarie del Calendario per la Vita (composto da 4 società scientifiche, SItI-Fimp-Sip-Fimmg), riunite a Bari nell'ambito di un convegno sul nuovo piano di prevenzione, esprimendo apprezzamento per la disponibilità manifestata dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin ad apportare miglioramenti al decreto sull'obbligatorietà delle vaccinazioni per l'accesso a scuola nella sua fase di conversione parlamentare a Legge, hanno presentato le più recenti evidenze scientifiche sull'efficacia della vaccinazione anti-pneumococcica coniugata nel ridurre l'impatto della patologia provocata da questo microrganismo" viene diffuso in una nota. La legge dice che dovranno essere vaccinati entro il 10 settembre, altrimenti non potranno iscriversi al nido. C'e' stato un leggero miglioramento, ma siamo sempre molto al di sotto delle soglie che l'Oms ritiene congrue. "E' chiaro che alla Conferenza delle Regioni chiederemo al Governo una correzione del decreto".



Сomo è

Ultimo




Raccomandato