Sport

Confederation Cup, si parte: CR7 sfida la Russia, attenzione al Cile

Confederation Cup, si parte: CR7 sfida la Russia, attenzione al Cile”

Tuttavia, la Confederations Cup ha una caratteristica particolare che la rende una competizione "maledetta".

Sarà una squadra leggermente diversa rispetto a quella della scorsa estate per i lusitani, che non partiranno come favoriti assoluti per la vittoria del torneo, ma sono immediatamente sotto ai campioni del mondo. Su una nuova magia di Silva i lusitani sfiorano anche il 3-1, salvo farsi rimontare alla fine dal neo romanista Hector Moreno, che di testa trova nel recupero la rete del definitivo 2-2. Tanto possesso palla che però non porta ad occasioni concrete e la partita sembra avviata ad un comodo 1-1.

Pari giusto, ottenuto si con un moto d'orgoglio finale classico di questi uomini, ma anche grazie ad un prestazione gagliarda, di buon livello tecnico contro una delle favorite al titolo finale. Ad andare vicino al raddoppio è ancora l'ala del Besiktas, che sfrutta un contropiede concludendo di sinistro: sfera che finisce nuovamente a centimetri dal palo. Un errore che costa caro al Portogallo, visto che due minuti più tardi Vela (al contrario di Quaresima) resiste alla tentazione del tiro, mettendo al centro per Hernandez che di testa impallina Rui Patricio.

La ripresa parte con gli stessi ritmi dell'avvio di partita, con l'unica grande opportunità a favore del Messico: punizione di Layun alta sopra la traversa. Pareggio spettacolo alla Kazan Arena. A centrocampo Dos Santos, Herrera e Vela. All'86', però, il Portogallo si riporta in vantaggio: il più lesto a risolvere un rimpallo in area è Cedric, che conclude verso la porta.

Il Portogallo, dopo un gol annullato, ha sbloccato le marcature con RicardoQuaresma al 34', seguito a breve distanza dal pareggio di Hernandez.

Il nuovo acquisto della Roma Hector Moreno si presenta così al calcio italiano: con un colpo di testa in pieno recupero regala il pari al Messico.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato