Economia

Veneto Banca, il pagamento del bond sospeso per decreto

Veneto Banca, il pagamento del bond sospeso per decreto”

Ci vorrà ancora del tempo, ma l'orizzonte per Bpvi e Veneto Banca si va schiarendo.

L'intervento è propedeutico alla soluzione oggetto di negoziato con le autorità europee per il salvataggio di Veneto Banca e Popolare di Vicenza.

La sospensione del rimborso del bond Veneto Banca, che viene spostato di 6 mesi, non costituirebbe un evento di default in quanto deciso da un'autorità terza nell'ambito di un negoziato su aiuti di Stato e servirebbe a proteggere gli amministratori da problemi legali.

Il ministro all'Economia Pier Carlo Padoan oggi ha ribadito la sua fiducia in una soluzione positiva a breve di tutta la vicenda delle banche venete.

Da Lussemburgo il ministro Padoan afferma: "Il governo sta facendo il possibile per assicurare i requisiti giuridici e normativi che facilitino una soluzione sulle banche venete".

Il bond decennale lower Tier II di Veneto Banca in scadenza la prossima settimana è stato emesso per un importo nominale di 150 milioni di euro, mentre l'oustanding è di 86 milioni.

Il primo a cogliere l'invito dell'esecutivo a intervenire, in modo da creare un cordone sanitario ed evitare una crisi generalizzata di sfiducia verso il sistema nazionale del credito, è stato il ceo di Unicredit, Jean Pierre Mustier.

Una richiesta arrivata anche dagli altri soggetti che si sono detti possibilisti, da Poste a Unipol, passando per Mediobanca e Iccrea. Sono infatti necessari 1,25 miliardi dai privati (cifra che potrebbe scendere in seguito alle trattative tra il Governo e Bruxelles). "Proprio per queste ragioni - ha sottolineato il Presidente - abbiamo voluto dedicargli l'adeguata attenzione".

Si tornerà a discutere dopo che il quadro sarà più chiaro e si avrà una visione più attendibile dei tagli in arrivo.

Prosegue la telenovela sul salvataggio delle banche venete.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato