Economia

Riforma Pensioni, Ape sociale al via: è subito boom di richieste

Riforma Pensioni, Ape sociale al via: è subito boom di richieste”

Nel frattempo, si intensificano le indiscrezioni su una "stratta" ulteriori dei requisiti per andare in pensione: secondo il Corriere della Sera, il Governo starebbe seriamente pensando all'ipotesi di arrivare a 67 anni di età dal 2019: si tratterebbe di un incremento di ben cinque mesi rispetto agli attuali 67 anni e 7 mesi.

Gli effetti del decreto potrebbero essere mitigati dalla recente entrata in vigore dell'Ape (anticipo pensionistico) sociale, pubblicato ieri sulla Gazzetta ufficiale. Ma per poterlo incassare e non essere costretti a restiutirlo in seguito, scattano i vincoli territoriali su dove poter spendere i soldi di questa forma di accompagnamento economico fino alla definitiva pensione raggiunta per limiti d'età e cumulo di contributi. Il governo ha stimato che tale provvedimento dovrebbe interessare già quest'anno circa 60mila persone (35mila per l'Ape sociale e 25mila per i precoci), mentre altri 45mila potrebbero avere i medesimi requisiti nel 2018 (20mila Ape sociale e 25mila precoci). Le domande per avere l'anticipo pensionistico sociale vanno presentate entro il 15 luglio.

L'Ape sociale spetta anche a chi, con almeno 63 anni di età, assistono il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap grave; invalidi civili con un grado di invalidità pari o superiore al 74%; dipendenti che svolgono da almeno sei anni in via continuativa un lavoro particolarmente difficoltoso o rischioso. REQUISITI: Bisogna avere almeno 63 anni di età e almeno 30 anni di anzianità contributiva per disoccupati e disabili.

L'indennità è corrisposta per 12 mensilità nell'anno, fino all'età prevista per il conseguimento della pensione di vecchiaia o comunque fino al raggiungimento dei requisiti per la pensione anticipata. Chi riceverà l'Ape sociale potrà avere anche il bonus di 80 euro previsto per i redditi da lavoro bassi. Ad essere interessati sono lavoratori che hanno maturato almeno 41 anni di contributi nonché disoccupati e disabili che abbiano compiuto 63 anni e con ammortizzatori sociali esauriti da 3 mesi. Dal 2019 il requisito sarà adeguato alla speranza di vita. Per gli uomini si è allungata da 18,6 a 19,1 anni. Il limite di spesa per il 2017 per i precoci è di 360 milioni.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato