Economia

Pensione, innalzare l'età minima: l'ipotesi c'è. Dal 2019 serviranno 67 anni

Pensione, innalzare l'età minima: l'ipotesi c'è. Dal 2019 serviranno 67 anni”

Lo dichiara il vicepresidente di Unimpresa, Maria Concetta Cammarata, commentando l'ipotesi di un decreto del governo che sposterebbe l'età pensionabile dagli attuali 66 anni e sette mesi a 67 anni a partire dal 2019.

Il decreto attuativo e la circolare Inps non hanno fatto riferimento, quindi, al limite massimo dei 43 mesi per l'accesso alla pensione, come requisito indispensabile per ottenere la possibilità di uscita anticipata. L'Ape social, invece, sì. L'anzianità contributiva minima si abbassa a 36 anni per quei lavoratori che svolgono attività particolarmente pesanti e non essere titolari di pensione diretta. Per gli uomini si attesta ora poco sopra i 19 anni mentre per le donne sarebbe di poco superiore ai 22 anni. Se qualcuno avesse già presentato la richiesta questa andrà nuovamente inviata perchè valida solo dopo la pubblicazione dei decreti in Gazzetta. Mai come in questo caso sono importanti i dati che hanno portato il Governo a valutare questa ipotesi. L'importo, che non sarà rivalutabile, risulterà pari a quello della rata mensile della pensione calcolata al momento in cui si accederà effettivamente alla prestazione (se inferiore a 1.500 euro) o pari a 1.500 euro se la pensione è uguale o maggiore di questo importo. In caso contrario, lo Stato procederà al recupero delle somme come indebitamente percepite.



Сomo è

Ultimo




Raccomandato